Confagricoltura Bari

Peste suina africana, Confagricoltura: “Servono iniziative per il contenimento della fauna selvatica”

Confagricoltura Bari sostiene e apprezza l’intervento  della Confederazione che, attraverso una lettera inviata ai ministri dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo, e della Salute ha sollecitato ancora una volta un’azione congiunta a favore del contenimento della fauna selvatica.

L’iniziativa è scaturita da una esigenza specifica e cioè quella di evitare un contagio dalla Peste suina africana di cui come noto si sono registrati di recente dei casi in Belgio e che sta preoccupando, a buon diritto, gli allevatori suinicoli di tutta Italia, anche quelli pugliesi. Il ministero della Salute ha avviato già le prime precauzioni in termini di sorveglianza passiva e di aumento delle misure di biosicurezza negli allevamenti, come aveva suggerito la Confederazione, ma è stato ritenuto utile intervenire nuovamente sui vertici dei dicasteri interessati.

Secondo la Confederazione, è necessario affiancare alle prime misure assunte dall’Amministrazione una efficace azione che impedisca la diffusione della Peste suina africana in Italia che, come da più parti è stato dimostrato, è intimamente legata alla diffusione delle specie selvatiche ed in particolare dei cinghiali. Il contenimento della popolazione di tale specie animale costituisce quindi, ad avviso di Confagricoltura, la misura precauzionale principale rispetto al rischio di una diffusione del virus che tocchi i nostri allevamenti.

Recentemente la stessa Efsa ha pubblicato un’opinione scientifica sui metodi di prevenzione e contenimento più efficaci della diffusione della peste suina veicolata dai cinghiali, che potrebbe essere utilizzata come testo scientifico base per interventi efficaci. Puntare sugli abbattimenti, sempre secondo la Confederazione, costituisce d’altro canto una scelta sulla quale anche altri Paesi sono indirizzati. In Francia, è recente la notizia di nuove disposizioni che, visti i positivi risultati delle azioni di contenimento e controllo, vanno nella direzione di una riduzione significativa della popolazione di cinghiali.

Confagricoltura quindi ritiene che si debba rapidamente concretizzare questa ipotesi e confrontarsi tra tutte le istituzioni coinvolte sull’argomento del contenimento della fauna selvatica responsabile della diffusione della malattia. Se, infatti, nelle aree dove il virus è stato identificato è opportuno contenere l’attività venatoria perché potrebbe addirittura aumentare la diffusione del virus, al contrario nei territori come quello italiano, dove ancora fortunatamente la patologia non è presente, occorre intensificare la caccia e ridurre il numero di cinghiali diminuendo così drasticamente il rischio di introdurre la peste suina in Italia.

Confagricoltura ha quindi evidenziato la necessità che il Governo e le Regioni accolgano tali richieste per evitare l’arrivo della Psa in Italia e limitare comunque la presenza di specie che arrecano parecchi danni alle imprese agricole. In maniera da definire quanto prima un vero e proprio piano di contenimento del numero di cinghiali sul territorio nazionale con misure anche straordinarie che possano incidere sulla popolazione dei “selvatici”.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici

Aiutaci a far crescere le nostre pagine social. Mettici un like e noi ricambieremo!