Confagricoltura Bari

Pac 2019, tutte le scadenze per la presentazione della domanda unica

La domanda unica di pagamento per il 2019 va presentata anche quest’anno il 15 maggio. L’Agea ha pubblicato il 4 febbraio scorso le istruzioni. Le scadenze fissate sono il 15 maggio per le domande iniziali, il 31 maggio per quelle di modifica. La comunicazione del ritiro delle domande può essere inoltrata fino al momento in cui l’Organismo pagatore comunica l’irregolarità. In ogni caso le comunicazioni non possono essere presentate oltre il 10 giugno 2020. Il termine ultimo della presentazione tardiva è il 10 giugno 2019, in questo caso l’importo assegnato all’agricoltore viene decurtato dell’1% per ogni giorno lavorativo di ritardo.  Il taglio non scatta per l’aiuto de minimis al grano duro.

L’Agea ricorda che l’agricoltore deve dichiarare nel piano di coltivazione le modalità di mantenimento delle superfici. Da quest’anno se il mantenimento delle superfici a pascolo è eseguito con modalità diverse da questa, il beneficiario deve dimostrare nella documentazione l’esecuzione dell’attività di mantenimento dei terreni. Nel caso in cui l’attività sia lo sfalcio occorre documentare la destinazione delle erbe sfalciate.  Per le superficie indicate come “Pratiche locali tradizionali” l’unica attività ammessa è il pascolo.

Le pratiche utilizzate per mantenere i parti permanenti sono: pascolamento con animali propri o con animali di terzi, sfalcio manuale e meccanizzato, pratiche colturali per migliorare il pascolo, pascolamento e sfalcio, nessuna pratica o, infine, pratica stabilita nell’ambito delle misure di conservazione o dei piani di gestione prescritti dagli enti gestori dei siti di importanza comunitaria e delle zone di protezione speciale. La circolare detta anche le regole tecniche dell’aratura dei terreni.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici

Aiutaci a far crescere le nostre pagine social. Mettici un like e noi ricambieremo!