Confagricoltura Bari

Aggiornamento Efsa sulla valutazione dei rischi da Xylella: “Non c’è cura, solo contenimento e abbattimenti delle piante malate”

L’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, ha aggiornato la propria valutazione dei rischi da Xylella fastidiosa per piante e colture dell’Unione europea, un flagello che ha colpito duramente gli ulivi pugliesi. Lo studio, diffuso oggi, fornisce spunti e conclusioni per il controllo dei focolai infettivi e per la prevenzione di una sua ulteriore diffusione nell’Ue ma mette in evidenza che al momento «non esiste ancora un modo conosciuto per eliminare il batterio da una pianta malata in reali condizioni di campo», inoltre che le cosiddette «zone cuscinetto di dimensioni diverse per controllare un’area infetta abbia un’efficacia relativa».

Il gruppo di esperti scientifici sulla salute dei vegetali si è avvalso di tecniche di modellazione computerizzata per simulare come la Xylella fastidiosa si diffonda su brevi e lunghe distanze in diverse condizioni. Lo studio ha evidenziato «l’importanza di mettere in atto misure di controllo, come quelle specificate dalla Commissione europea, per evitarne ulteriormente la diffusione e anche per eradicare i focolai già in atto».

Le simulazioni al computer hanno poi evidenziato che, sebbene la maggior parte del territorio dell’Ue presenti tipologie climatiche simili a quelle in cui notoriamente il patogeno si presenta in altre parti del mondo, le aree maggiormente a rischio sono quelle nell’Europa meridionale e, come illustra una mappa, l’epidemia è esplosa in Puglia. Tuttavia la modellazione ha mostrato anche alcune variazioni a questa regola generale, a seconda della sottospecie in questione. Ad esempio ha suggerito che Xylella fastidiosa subsp. multiplex abbia un maggior potenziale di stabilirsi nel nord Europa rispetto alle altre sottospecie.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici

Aiutaci a far crescere le nostre pagine social. Mettici un like e noi ricambieremo!