Confagricoltura Bari

Spesa dei fondi Psr, Puglia in forte ritardo: è corsa contro il tempo per evitare di perdere le risorse

C’è tempo sino al 31 dicembre, i prossimi tre mesi di gestione dei Psr (Politica sviluppo rurale) saranno decisivi per evitare il “disimpegno automatico” degli stanziamenti europei. Per evitare questo rischio, le Regioni ritardatarie devono spendere circa 246 milioni di euro, tra queste Regioni c’è anche la Puglia, oltre a Friuli Venezia Giulia, Liguria, Abruzzo, Campania, Lazio e Marche.

Al 30 giugno 2018, infatti, le risorse utilizzate hanno raggiunto solo il 18,43% dello stanziamento 2014-2020. A tre anni dall’avvio dei Psr, la spesa cumulata di tutti i Psr è di 3,853 miliardi di euro, a fronte di uno stanziamento complessivo settennale di 20,874 miliardi di euro. Solo due Enti hanno superato il 30% della spesa programmata: la provincia autonoma di Bolzano (40%) e il Veneto (35%). La Puglia è sotto il 15%.

Il rischio è quello del disimpegno automatico: infatti, la commissione europea può procedere al disimpegno della parte di impegno di bilancio che non sia stata utilizzata entro il 31 dicembre del terzo anno successivo all’anno dell’impegno di bilancio. Per evitare questo pericolo, le Regioni italiane ritardatarie  devono spendere almeno 245,9 milioni di euro entro il 31 dicembre 2018.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici

Aiutaci a far crescere le nostre pagine social. Mettici un like e noi ricambieremo!