Confagricoltura Bari

Anche le aziende agrituristiche possono accedere al “Contributo filiera ristorazione” senza rispettare il requisito della prevalenza

Il Governo con l’ultimo decreto Ristori-quater (DL n.157/2020) ha chiarito che il contributo relativo alla filiera della ristorazione spetta anche alle attività agrituristiche e di alloggio connesse alle aziende agricole, ancorché la loro attività non sia prevalente.

L’articolo 21, comma 1, lett. b) del suddetto decreto ha modificato la versione originaria che prevedeva l’erogazione del contributo alle imprese con codice Ateco prevalente 56.10.12 (attività di ristorazione connesse alle aziende agricole), tale circostanza rendeva inapplicabile l’agevolazione in quanto l’agriturismo è una attività connessa a quella agricola e come tale, non può essere prevalente.

Il decreto Ristori-quater ha inoltre aggiunto all’elenco delle attività che possono beneficiare del contributo relativo alla filiera della ristorazione il codice Ateco 55.20.52 (attività di alloggio connesse alle aziende agricole) e le attività di ittiturismo.

La domanda può essere presentata entro il 15 dicembre p.v. attraverso il Portale della ristorazione o presso gli sportelli degli uffici postali.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici

Aiutaci a far crescere le nostre pagine social. Mettici un like e noi ricambieremo!