Confagricoltura Bari

Vaccinazione anti-tetanica per operai agricoli, importanti chiarimenti dello Spesal

Confagricoltura Bari-Bat, avvalendosi del supporto tecnico dell’esperto in sicurezza del lavoro, ingegnere Giuseppe Cacucci, ha posto tre quesiti allo Spesal dell’Asl Bari inerenti alla vaccinazione anti-tetanica nel comparto agricolo. Lo Spesal ha risposto, fornendo importanti chiarimenti.

Queste le domande poste:

1. La vaccinazione anti-tetanica è obbligatoria per i lavoratori del comparto agricolo, a prescindere dai risultati della Valutazione dei Rischi dal momento che vige un obbligo di legge (DPR n. 1301/65)?

2. I lavoratori che dimostrano di aver effettuato la prenotazione per la sottoporsi alla vaccinazione, presso lo sportello Asl territorialmente competente, potranno essere adibiti alla mansione (comparto agricolo), in attesa di effettuare la vaccinazione stessa?

3. Per i lavoratori che rifiutano di sottoporsi alla vaccinazione, pur essendo stati informati sui rischi, è sufficiente allegare alla cartella sanitaria il rifiuto sottoscritto dal lavoratore e comunque adibire lo stesso alla mansione di bracciante, non potendolo adibire ad altra mansione (art. 42 D.Lgs. n. 81/08)?

Lo Spesal ha, quindi, chiarito che:

1. La vaccinazione anti-tetanica è obbligatoria per i lavoratori del comparto agricolo a prescindere dai risultati della Valutazione dei Rischi

2. La risposta al secondo quesito invece è “negativa”

3. Anche la risposta dello Spesal alla terza domanda è “negativa”

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici

Aiutaci a far crescere le nostre pagine social. Mettici un like e noi ricambieremo!