Confagricoltura Bari

Pubblicato l’avviso per contributi a sostegno delle imprese agricole nell’accesso al credito attraverso i Confidi

È stato pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione Puglia n. 29 del 14 marzo scorso l’avviso pubblico per la presentazione delle domande di contributi finalizzati alla compensazione delle commissioni richieste alle imprese agricole per la prestazione di garanzie da parte dei Confidi (approvato con la determinazione n. 80/2019 a firma del dirigente della sezione “Competitività delle filiere agroalimentari”, dott. Luigi Trotta).

Si tratta, in realtà, di una rettifica al bando già pubblicato qualche mese fa, resasi necessaria al fine di superare talune criticità di carattere tecnico e amministrativo che stavano di fatto impedendo l’efficacia e la piena operatività di questa misura. L’obiettivo di questa misura, avviata in via sperimentale, è quello di agevolare le imprese agricole, riducendo gli oneri gravanti sulle stesse per l’accesso al credito, con specifico riferimento alle commissioni, alle spese di istruttoria, a quelle di bollo e, più in generale, ai costi comunque denominati sostenuti dalle aziende per ottenere le garanzie prestate dai Confidi.

Si tratta di un bando con modalità “a sportello” che ha una dotazione finanziaria di 150.000 euro per l’anno 2019 (450.000 euro per il triennio 2018-2020) e che si rivolge alle imprese agricole con sede in Puglia che siano iscritte nel registro delle imprese presso la Camera di Commercio e che abbiano una dimensione economica aziendale minima definita sulla base della produzione standard pari a 15.000 euro.

Il contributo può arrivare a coprire il 100% del costo della garanzia, fino a un massimo di 2.500 euro, per interventi e investimenti di valore non superiore a 100.000 euro. Al fine di agevolare le attività di giovani o donne, il contributo può essere aumentato fino a un massimo di 3.000 euro per imprese condotte da queste specifiche categorie di soggetti.

Le domande possono già essere inviate a mezzo pec, sino al 30 giugno 2019, mentre, per il prossimo anno, le domande potranno essere inviate dal 1° gennaio sino al 30 giugno 2020. Le istanze saranno istruite in ordine cronologico di arrivo e ammesse al contributo, in presenza di tutti i requisiti richiesti, fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici

Aiutaci a far crescere le nostre pagine social. Mettici un like e noi ricambieremo!