Confagricoltura Bari

Coronavirus, piscicoltori (Confagricoltura): l’acquacoltura conta cento milioni di perdite per ristorazione semi-paralizzata

“Dobbiamo crescere per contribuire alla ripresa. Oggi solo due pesci ogni 10 mangiati sono italiani: ne consumiamo più degli altri paesi europei, ma non ne produciamo abbastanza. L’acquacoltura nazionale, che ha dato notevole contribuito per lo sviluppo del settore con i primi impianti pilota e la ricerca scientifica all’avanguardia, può dare un forte impulso all’economia nazionale, forte dei suoi 8.000 chilometri di coste, i tantissimi fiumi e torrenti e 1.500 laghi. Abbiamo tutte le carte in regola per essere leader nella UE”. Questo il commento di Pier Antonio Salvador, presidente dell’Api l’associazione di Confagricoltura che riunisce oltre il 90 per cento delle imprese ittiche italiane dedite all’acquacoltura.

In un anno, il Covid ha creato oltre 100 milioni di euro di danni ai piscicoltori. La Pasqua blindata, con la chiusura dei ristoranti e il lockdown di Germania e Austria, si rifletterà inevitabilmente anche sulle nostre esportazioni. “Guardiamo al domani puntando sulle nostre eccellenze – esorta Salvador – l’acquacoltura italiana ha ampio margine di crescita ed è l’unica vera alternativa all’impoverimento dei nostri mari. Con la ripresa occorre impegnarsi a riattivare, sviluppandolo, un settore importante per la nostra economia che, attualmente, occupa, nei 800 siti, più di 15.000 addetti”.

L’associazione piscicoltori di Confagricoltura ritiene fondamentale integrare e razionalizzare le norme esistenti in un unico quadro normativo nazionale e risolvere le diseguaglianze sui canoni concessori per le aree demaniali marittime. Serve uno sportello unico per le imprese d’acquacoltura, così come definire le zone destinate all’allevamento e rendere più accessibili i fondi strutturali e per l’innovazione tecnologica alle micro e piccole imprese, predisponendo modalità di accesso semplificate.

Non va dimenticata la forte valenza socioculturale e per la preservazione di paesaggi nelle aree umide e nelle lagune dell’acquacoltura, spesso unici presidi di tutela e opportunità di occupazione in questi territori. “Confidiamo che il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e la necessità di puntare sul necessario sviluppo economico del Paese – conclude il presidente di API – abbiamo l’occasione per mettere mano, finalmente, ai tanti nodi che hanno frenato, negli anni, quella che avrebbe dovuto essere una vigorosa crescita naturale del settore”.

I numeri dell’acquacoltura (pesci e molluschi)

180.000 tonnellate 500 milioni di euro di fatturato (dati 2019)

25 specie ittiche allevate. Il pesce più allevato è la trota di cui l’Italia è il primo produttore UE, seguono orata e spigola, con 17.000 tonnellate. 130 milioni di avannotti di specie ittiche marine pregiate. Siamo leader europei e terzi al mondo dopo Cina e Russia nella produzione di caviale di storione.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici

Aiutaci a far crescere le nostre pagine social. Mettici un like e noi ricambieremo!