Confagricoltura Bari

Confagricoltura Donna in prima linea per l’emergenza Xylella

Come Confagricoltura Donna ci siamo impegnate per risolvere la crisi olivicola in Puglia. Siamo in attesa dei contributi a sostegno del comparto previsti dalla legge di conversione del decreto-legge n.27 del 2019 sulle emergenze in agricoltura”. Lo spiega Cinzia Ceci (nella foto), vice-presidente di Confagricoltura Donna e imprenditrice agricola pugliese del settore olivicolo, sottolineando il contributo fornito dall’associazione anche nell’ambito delle mobilitazioni dei mesi scorsi per il problema della Xylella e dei danni causati dalle gelate agli oliveti tra febbraio e marzo 2018.

Si è infatti sbloccato il fondo da 100 milioni di euro per il 2019 approvato dalla Conferenza Stato Regioni che prevede l’erogazione di 48 milioni di euro da parte del Cipe e il resto a carico del Psr pugliese. A queste risorse si aggiunge la dotazione di un “Piano straordinario per la rigenerazione olivicola del Salento” che metterà a disposizione 150 milioni per il 2020 e 150 per il 2021. E’ arrivato tra l’altro in questi giorni anche il via libera della Regione Puglia allo stanziamento di 29 milioni di euro, attraverso la misura 5 del Psr Puglia 2014-2020, per il ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali e da eventi catastrofici. Un altro milione di euro sarà destinato all’attività di monitoraggio su base catastale delle aree colpite dalla Xylella con l’obiettivo di semplificare l’iter per finanziare in futuro la ricostituzione del patrimonio olivicolo danneggiato.

Per i danni legati alle gelate del 2018 il fondo previsto al momento è di 34 milioni per le aziende agricole e 8 milioni per i frantoi e le cooperative. “Cambiando argomento – prosegue la vice-presidente di Confagricoltura Donna – a settembre ci incontreremo per mettere a punto un programma di eventi legati alla cultura, sempre organizzati dalle donne di Confagricoltura, che si svolgeranno nelle aziende agricole”.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici

Aiutaci a far crescere le nostre pagine social. Mettici un like e noi ricambieremo!