Home Ultime NASCE LA BANCA NAZIONALE DELLE TERRE AGRICOLE

Informazioni meteo

23°C
Bari
Nuvoloso per velature e stratificazioni anche compatte
Umidità: 37%
Vento: 11 nodi SSE
Ven

23°C
Sab

14°C
Dom

17°C
Lun

20°C
NASCE LA BANCA NAZIONALE DELLE TERRE AGRICOLE PDF Stampa E-mail
News - Ultime
Venerdì 17 Marzo 2017 14:29

terreSi informa che è stata presentata il 15 marzo 2017, presso il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, la Banca nazionale delle terre agricole. Si tratta di un progetto previsto dal Collegato Agricolo (Legge 28 luglio 2016, n. 154, Art.16) e realizzato da Ismea con lo scopo di costituire un inventario completo della domanda e dell’offerta dei terreni che si rendono disponibili anche a seguito di abbandono dell'attività produttiva e di prepensionamenti, raccogliendo, organizzando e dando pubblicità alle informazioni necessarie sulle caratteristiche naturali, strutturali ed infrastrutturali dei medesimi, sulle modalità e condizioni di cessione e di acquisto degli stessi nonché sulle procedure di accesso alle agevolazioni.

Il nuovo strumento è nato per rispondere alla richiesta di terreni, con lo scopo di valorizzare al meglio il patrimonio fondiario pubblico e per riportare all’agricoltura le aree incolte incentivando soprattutto il ricambio generazionale.

Per ora sono stati censiti i primi 8.000 ettari di terreni di proprietà di Ismea (riconducibili a 241 aziende agricole). La Banca nazionale delle terre agricole è quindi uno strumento di mappatura dei terreni pubblici che consente a chi cerca terreni in vendita di accedere facilmente al nuovo database nazionale.

Da oggi chiunque può accedere gratuitamente alla seguente sezione del portale Ismea http://www.ismea.it/flex/FixedPages/IT/Terreni.php/L/IT (previa registrazione sul sito) e avviare la ricerca per Regione. Gli utenti potranno trovare informazioni riguardanti le caratteristiche dei terreni, la loro posizione, le tipologie di coltivazioni e i valori catastali.

Inoltre, tale Banca potrà essere alimentata con i terreni delle Regioni, Comuni ed Enti pubblici che sottoscriveranno convenzioni con Ismea.

I terreni di questa prima tranche saranno oggetto di vendita con le modalità previste dall’art. 13, comma 4 – quater, D.L. 193/2016 e quindi:

manifestazione di interesse attraverso la Banca nazionale delle terre agricole (per uno o più lotti);

procedura competitiva a evidenza pubblica tra coloro che hanno manifestato interesse a seguito di avviso pubblico;

trattativa privata, in caso di esito infruttuoso;

possibilità di mutuo ipotecario Ismea se la richiesta è effettuata da giovani.

Le risorse finanziarie derivanti dalla vendita vengono finalizzata esclusivamente a interventi a favore dei giovani.