Home Area tributaria e fiscale SPESOMETRO 2017 SEMESTRALE

Informazioni meteo

23°C
Bari
Poco o parzialmente nuvoloso per stratificazioni medio alte
Umidità: 71%
Vento: 4 nodi ENE
Gio

24°C
Ven

24°C
Sab

21°C
Dom

23°C
SPESOMETRO 2017 SEMESTRALE PDF Stampa E-mail
News - Area Tributaria e Fiscale
Mercoledì 08 Marzo 2017 15:32

spesometroCon l’approvazione in via definitiva del decreto Milleproroghe (D.L. 244/2016), il nuovo modello SPESOMETRO, diventa “semestrale“, per il primo anno di applicazione (2017).

L’adempimento dovrà essere assolto entro il 18 settembre 2017, per il primo semestre, ed entro il mese di febbraio 2018, per il secondo semestre.

Resta ferma, invece, in termini di periodicità e scadenze, la nuova comunicazione dei dati riepilogativi delle liquidazioni periodiche Iva (mensili o trimestrali) che, anche per il 2017, deve essere effettuata entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo ad ogni trimestre.

Aspetti sanzionatori Spesometro 2017

Per effetto del “nuovo” articolo 11 comma 2-bis del D.Lgs. 471/1997 in caso di omessa o errata trasmissione dei dati delle fatture emesse/ricevute è prevista l’applicazione della sanzione di € 2 per ciascuna fattura, con un massimo di € 1.000 per ciascun trimestre.

 

La sanzione è “ridotta” alla metà (1 euro) per ciascuna fattura, con un massimo di € 500, se la trasmissione della comunicazione è effettuata entro i 15 giorni successivi alla scadenza stabilita ovvero se, nel medesimo termine, è effettuata la comunicazione corretta dei dati (in precedenza presentata in modo errato).

Non opera il cumulo giuridico di cui all’articolo 12, D.Lgs. 472/1997.

Aspetti sanzionatori Liquidazioni trimestrali

L’omessa, incompleta o infedele comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche Iva, è punita con la sanzione amministrativa da euro 500 a euro 2.000. La sanzione è ridotta alla metà se la trasmissione è effettuata entro i 15 giorni successivi alla scadenza stabilita ovvero se, nel medesimo termine, è effettuata la trasmissione “corretta” dei dati (in quanto in precedenza inviato in modo errato).